Posts Tagged 'Politica'

Guida dell’automobile e democrazia

In molti paesi il termine “democratico” viene usato sempre con accezione positiva. La democrazia viene considerata un valore positivo assoluto. Questo spiega perchè Barack Obama può affermare la sua volontà di esportare la democrazia in tutto il mondo senza che tutti i presenti sentano un brivido lungo la schiena
Ma ho l’impressione che non tutti abbiano chiaro cosa significa democrazia. Democrazia significa “governo del popolo”, contrapposta all’oligarchia (governo dei pochi), aristocrazia (governo dei migliori), plutocrazia (governo dei gruppi finanziari), teocrazia (governo dei religiosi), ecc.
Quindi, democrazia non significa egualitarismo, pari opportunità o addirittura comunismo. In democrazia tutti sono uguali, ma solo per quanto riguarda il loro voto.

Democrazia significa che – nonostante le convinzioni di molti – una torta divisa in modo democratico non è una torta divisa in parti uguali. Bensì: il primo che arriva prende la fetta più grande. Che ci piaccia o no, il popolo ragiona così.
Come in quella barzelletta dei due amici che sono al ristorante e vengono loro servite due bistecche di cui una è palesemente più grande dell’altra. Uno dei due si serve per primo e l’altro gli fa: “Ehi, dico!”
“Che c’è?”
“Hai preso la bistecca più grande!”
“E allora?”
“Non hai fatto mica una cosa carina”
“E che avresti fatto se ti fossi servito tu per primo?”
“Avrei preso la bistecca più piccola”
“Ecco, appunto.”
Ma soprattutto non è ben afferrato il concetto che in democrazia ogni voto è uguale e vale come quello di tutti gli altri. Non ci sono voti “buoni” o “cattivi”. Non è vero che certi partiti sono votati solo dagli “stronzi” e così via.
Il concetto è chiarissimo ogni volta che guidate un’automobile. Pensate a quel ragazzo che ieri ha quasi messo sotto una donna col passeggino sulle strisce. E a quel prepotente che vi ha tagliato la strada per poi passare col rosso. O a quello che ha bloccato il tram per un sacco di tempo perchè ha posteggiato l’auto troppo vicino ai binari.
Bene, quegli automobilisti votano. E il loro voto vale come il vostro, che invece sono 20 anni che non prendete una multa. Così funziona la democrazia. Anche se nel profondo del vostro animo non vi sembra giusto. Anche se ogni volta che si guida si tende a diventare sempre meno democratici….
E non cominciate a dire che ci sono partiti votati in prevalenza da quelli che non mettono la freccia o che passano col rosso. Perchè non è vero. Un esempio? La Toscana è una regione “rossa”. Si potrebbe quindi pensare che sia meno votata all’individualismo e che quindi il senso civico sia più sviluppato che nel Nord Italia. Per nulla: quella volta che mi sono recato da Firenze a Lucca mi è capitato che nessuno (e intendo dire proprio nessuno) degli automobilisti incontrati in autostrada abbia usato la freccia per sorpassare. E non parliamo della freccia per rientrare a destra: abitudine praticamente scontata in Germania, ma pura fantascienza in Italia, ovunque ci si trovi….
Consoliamoci. Pur essendo indiscutibilmente un democratico, anche Winston Churchill era pienamente cosciente di alcuni limiti evidenti, quando diceva “La democrazia è la peggior forma di governo, a parte tutte quelle che si sono sperimentate finora” e “Il miglior argomento contro la democrazia è una conversazione di 5 minuti con l’elettore medio”.
Pensateci.

Annunci

L’ICI antiecologica

Il Governo Berlusconi si appresta finalmente ad abolire l’Ici sulla prima casa (tassa introdotta nel 1992).
Se nei partiti di centrodestra albergasse un minimo di cultura ambientale, l’abolizione dell’Ici sarebbe presentata accompagnandola da un bilancio ecologico che ne illustri i vantaggi ambientali.
L’abolizione dell’Ici comporterà infatti una riduzione delle emissioni annuali di CO2, di ossidi e di polveri fini. Il motivo? Verranno evitati ogni anno decine di milioni di viaggi in auto per recarsi dal commercialista a ritirare i moduli con gli importi da versare, andare in banca a pagare, tornare dal commercialista per consegnargli le ricevute….
Quindi si potrebbe calcolare in un apposito ecobilancio le tonnellate di inquinanti di cui si è impedito la diffusione nell’ambiente grazie a questa decisione.
Chissà perchè, ho qualche dubbio che questa idea venga loro in mente.
Spero ovviamente di essere smentito. Ma, sentendo che Tremonti è convinto che i biocarburanti si producano solo dai cereali, qualche dubbio mi viene…